Categories
Consorziati

Delizierie Mastro Mezzadri – Lucca Filippo

Via Garani n.3 – 43016 Polesine Zibello (PR)
Telefono: +39 0524 96151
E-mail: mezzadri@culatello.biz
Sito: www.culatello.biz
Shop on line: www.culatello.biz/sho

Bollo CE: IIT 9-3300 L CE

Scopri di più

Un’azienda a gestione familiare che controlla l’intera filiera del suino. Dall’alimentazione, alla macellazione e trasformazione in salumi di alta qualità. Sfruttando l’aria umida del Po. A Polesine Parmense.  Roberto Mezzadri, il mastro, è stato fino al 2014 il più anziano fra i soci fondatori del Consorzio, e titolare di un’azienda agricola in Polesine Parmense con 35 ettari di terreno coltivato secondo i criteri della lotta integrata, a cereali e foraggi per il sostentamento di 200 suini che, giunti al giusto peso, si trasformeranno ogni anno in 400 culatelli, 400 fiocchi, 400 coppe, 400 spalle, 400 pancette e il resto in insaccati; nel 2015 ha ceduto l’attività al figlio Fernando e al nipote Filippo. L’azienda nasce negli anni ’50 e rappresenta la passione e la dedizione di una vita intera. Roberto Mezzadri ha scelto da sempre una produzione artigianale di alto profilo lavorando ancora con le metodologie del passato, cosa che tutt’ora i due giovani portano avanti. La cura nella scelta delle carni e la lavorazione come un rito antichissimo preparano un culatello che richiede presenza e impegno quotidiano nella stagionatura, che avviene nelle antiche cantine non climatizzate, dove il rosso spento dei mattoni a vista si accompagna al caldo colore del culatello man mano che il trascorrere del tempo lo conduce alla perfezione. La localizzazione geografica crea un ambiente unico, dove l’umidità e le nebbie che si levano dal grande fiume si alternano al caldo estivo, entrambi necessari alla stagionatura. “Tutti salumi di assoluta integrità – assicura Fernando Mezzadri, esponente della seconda generazione – dove non vi è traccia né di conservanti, né di additivi, né di stabilizzanti. La lavorazione dei salumi è rigorosamente artigianale e secondo tradizione. Anche la preparazione dei nostri salumi è un rito che si tramanda di padre in figlio e da nonno a nipote, quella del Culatello di Zibello DOP, in particolare, ha una sua singolare procedura sancita dal Disciplinare di Produzione. Dopo avere modellato a forma di pera con la punta leggermente inclinata da una parte, si procede alla concia mediante una mistura ben calcolata di sale e pepe, dopo un buon massaggio, i culatelli insieme alle spalle, alle coppe e ai fiocchetti vengono messi in sosta per 7 – 8 giorni in luogo fresco, non senza averli spruzzati a dovere con un misto di vino rosso e aglio schiacciato. Secondo il peso del salume, la stagionatura può durare dai 12 ai 24 mesi”. La tradizione di famiglia oggi continua con Filippo nipote del Mastro Roberto Mezzadri.